TorriToday

Collina della Pace, sotto sfratto il centro anziani: monta la protesta contro il Movimento Cinque Stelle

Loro annunciano battaglia e dimissioni in blocco

Anziani in protesta in Municipio - archivio

Dovranno lasciare i locali entro la metà del mese di febbraio ma non ci stanno ad andare via e se dovessero perdere il ricorso al Tar hanno annunciato: “Ci dimettiamo in blocco e il M5S si dovrà prendere la responsabilità politica della nostra scomparsa”. Sono gli anziani del centro “Pierini Emilio” di Collina della Pace, nella estrema periferia Est della città. Dopo la bufera dei mesi scorsi, la vicenda è giunta alle battute finali e per gli over 60 del quartiere sta arrivando il giorno della resa dei conti. (Qui la storia)

La delibera della giunta Scipioni e quella della giunta Romanella

Nell’aprile dello scorso anno, gli anziani del centro hanno presentato un ricorso al Tar nonostante l’approvazione della delibera presentata e votata dalla maggioranza a cinque stelle del Municipio VI che di fatto annullava la delibera votata dalla precedente giunta Scipioni nel febbraio del 2016. Il documento annullato affidava i locali al centro anziani “Pierini Emilio” che potevano quindi lasciare la vecchia struttura di via Massa Silani a Finocchio. Un cambio sede che ha reso felici i “nonni” di Finocchio soprattutto perché avrebbero lasciato una sede piccola e poco funzionale entrando in una più grande. 

"Ci vogliono cacciare ma non ci riusciranno"

“Dalla nostra abbiamo tutte le delibere votate da destra e da sinistra in tantissimi anni, chiederemo al Tar la sospensiva e poi vedremo con lor signori come andrà a finire in tribunale – ha annunciato Franco Grimolizzi, presidente del centro - Ci siamo autotassati, anche chi ha la pensione minima ha collaborato per dimostrare che la prepotenza va contrastata con tutti i mezzi che la legge mette a nostra disposizione. E comunque una cosa e’ certa. Noi da qui non ci spostiamo”. E memore delle battaglie che gli anziani del quartiere hanno portato avanti in questi anni, Grimolizzi ha concluso: “Noi che abbiamo lottato per le fogne, per i trasporti, per le strade. Ci chiediamo davvero da dove derivi tutto questo odio nei nostri confronti. Ci vogliono cacciare ma non ci riusciranno”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco traffico: a Roma oggi niente auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Blocco auto: chi può circolare a Roma domani 19 gennaio

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Le mani della 'Ndrangheta su San Basilio: spaccio modello Scampia da 15.000 euro al giorno

  • Sfratti, Marina e i suoi 4 figli da oggi sono per strada: "Il Comune non paga più il buono casa"

  • Incidente sul Raccordo Anulare: si scontrano moto e camion, morto 64enne

Torna su
RomaToday è in caricamento