TorriToday

Piano di zona Castelverde B4, arriva l'atto dal Campidoglio: "I cittadini non saranno sfrattati"

Un atto con cui l'assessore all'urbanistica assicura che non ci sarà lo sfratto. I residenti, pur soddisfatti, guardano con timore al 6 aprile e, quindi, all'accesso dell'ufficiale giudiziario

Potrebbe segnare la fine di un incubo per gli abitanti del piano di zona Castelverde B4 l'atto diffuso nella giornata di martedì 4 aprile dall'assessore all'urbanistica e alle infrastrutture Luca Montuori. Nel documento diramato dall'organo capitolino si legge: "I cittadini del Piano di Zona Castelverde b/4 non saranno sfrattati dalle loro abitazioni". Una buona notizia per tutti i residenti di via Madre Teresa Napoli che da troppo tempo ormai convivono con una spada di Damocle sul collo: lo sfratto. "Abbiamo ufficializzato e inviato in Prefettura un atto, che a breve andrà in Assemblea Capitolina, con cui l'Amministrazione blocca il procedimento di sgombero delle famiglie all'interno degli appartamenti, annullando l'assegnazione delle aree e di conseguenza revoca la convenzione per il diritto di superficie alla società CEE, Costruzioni Edilizie Europee, stipulata precedentemente con Roma Capitale". Si legge ancora nella nota del Campidoglio.

Abbiamo raggiunto Giusy Rotunno, una dei residenti del piano di zona Castelverde B4 che si è distinta, insieme a tanti altri, per la tenacia a la caparbietà nella lotta a rivendicare un diritto, quello di vivere in una casa acquistata poi pignorata a causa del fallimento della società che ha innescato avvenimenti a catena fino ad arrivare alla vendita all' asta degli appartamenti. Ad oggi infatti sono 11 gli appartamenti venduti all'asta, 4 con esecuzione forzata."Sono contentissima della fine istruttoria ma guardo con timore al 6 aprile - ha esordito - giorno in cui è fissato l'accesso dell'ufficiale giudiziario".

Ha puntualizzato: "La nota diramata dall'assessorato avvisa questore e prefetto dell'avvio dell'iter, ma la trafila è ancora lunga perché l'atto dovrà essere portato in consiglio di giunta, poi in commissione permanente urbanistica, in commissione bilancio e poi in consiglio comunale dove arriverà la delibera con cui si revoca la concessione del diritto di superficie". E' soddisfatta ma non serena Rotunno: "Di fronte abbiamo la banca che va avanti con la vendita all'asta, come reagirà?". Ha concluso: "Anche a gennaio ci avevano detto di stare tranquilli intanto poi abbiamo avuto l'accesso dell'ufficiale giudiziario, siamo troppo scottati per essere sereni".

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Sciopero a Roma: mercoledì 24 luglio a rischio bus, metro e tram. Gli orari

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

Torna su
RomaToday è in caricamento