TorriToday

Rocca Cencia: “Da qui a sei mesi 1.500 tonnellate di rifiuti saranno distribuite in tutta la città”

I rifiuti, che devono essere trattati in impianti terzi, resteranno nei municipi dove vengono raccolti per poi essere inviati agli impianti di destinazione

Foto di Katia Ziantoni

Il progetto delle aree trasbordo della città di Roma fa respirare le torri. Da viale Cambellotti arriva l’annuncio: “Per il Municipio VI significa che, da qui a 6 mesi, le 1500 t di trasferenza, ovvero il quantitativo dei rifiuti stoccati giornalmente all’interno di Rocca Cencia, diverranno tante piccole aree di trasbordo distribuite su tutta la città” ha spiegato Katia Ziantoni, assessora all’ambiente del Sesto. 

Le aree di trasbordo della città di Roma 

I rifiuti resteranno nei municipi dove vengono raccolti

In altre parole: i rifiuti, che devono essere trattati in impianti terzi, non dovranno più raggiungere lo stabilimento di Rocca Cencia ma resteranno nei municipi dove vengono raccolti per poi essere inviati agli impianti di destinazione. “È un risultato molto importante per i cittadini e per questa Amministrazione che ha continuato a denunciare i miasmi e i malfunzionamenti dello stabilimento in tutte le sedi preposte – ha spiegato ancora la delegata all’ambiente della giunta Romanella - Lo stesso parere di ARPA riportava, in buona sostanza, che le stesse aree del TMB non potevano essere utilizzate per la trasferenza poiché gli strati più vecchi dei rifiuti, degradando da più giorni, sono tra le principali cause delle   molestie olfattive e dei miasmi percepiti dai cittadini”.

Benefici: riduzione del carico dei rifiuti e miglioramento del traffico

Tra i benefici che il territorio trarrà dal nuovo progetto frutto del lavoro della politica e degli uffici, figurano senza dubbio la riduzione del carico di rifiuti su Rocca Cencia e il miglioramento delle condizioni del traffico poiché diminuisce il numero dei mezzi pesanti in transito lungo il versante. “Mi sento di ringraziare tutti i Municipi di Roma che, in questa grave crisi che la città sta attraversando, si sono attivati per farsi carico del problema come chiesto dal mio assessorato in più occasioni. Io credo che per la prima volta, non siano soltanto i cittadini del VI o di Malagrotta, a comprendere il problema ma tutti i cittadini e gli enti territoriali che si sono attivati per migliorare il servizio pubblico attraverso una migliore logistica e una più giusta ripartizione del carico dei rifiuti”. Un passo avanti verso il “superamento degli impianti” secondo l’assessorato all’ambiente di Tor Bella Monaca”. 
 

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

  • Cerveteri si prepara al Jova Beach Party: bagni vietati e stabilimenti chiusi in anticipo. Tutte le info

Torna su
RomaToday è in caricamento