TorriToday

Torri: il municipio dice “no” all’impianto a biomasse. L’azienda replica: “Sarà in sintonia con il territorio”

La replica dell'azienda "Agricola Salone" all'opposizione mostrata da cittadini e municipio rispetto al progetto di impianti a biomasse di via Prenestina 1280

Immagine di repertorio

“No”. Lo hanno detto i cittadini durante le assemblee e attraverso le petizioni, lo ha detto il Municipio votando all’unanimità un documento presentato dalla maggioranza ma senza simboli di partito che impegna giunta a presidente a presentare pareri ostativi alla realizzazione del nuovo impianto. Per tutti, Agricola Salone non può andare avanti. Non solo, a margine del consiglio municipale di giovedì mattina, l’assessora all’ambiente del parlamentino di viale Cambellotti ha definito “mendaci e offensive le dichiarazioni dell’azienda pubblicate sulla nostra testata nei giorni scorsi (QUI IL LINK). Non solo, ha annunciato di voler trasmettere tutte le osservazioni anche alla Procura della Repubblica (QUI LE SUE PAROLE).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La replica di Agricola Salone di via Prenestina 1280

Abbiamo raggiunto la società che ha così replicato: “Agricola Salone precisa che l’impianto è nato per esigenze agricole e intende preservare la propria connotazione e l’ambiente circostante. È stato autorizzato al trattamento delle biomasse agricole attraverso la pratica del compostaggio. Tratterà infatti prioritariamente scarti ortofrutticoli provenienti dalle coltivazioni dell’azienda stessa, e solo in parte scarti di frutta e verdura provenienti dall’esterno. Al fine di mantenere la caratteristica agricola della azienda, potranno essere accettati scarti organici selezionati e di derivazione agricola. Proprio l’attitudine agricola dell’impianto e la dotazione delle più avanzate tecnologie consentiranno allo stesso di inserirsi nel territorio in piena sintonia con le attività esistenti e la vita dei cittadini, come avviene già per altri impianti in provincia di Roma, con tecnologie avanzate presenti in Veneto, Trentino Alto Adige, Lombardia e in Svizzera da oltre 10 anni dove impianti similari sono pienamente integrati”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Sciopero a Roma: venerdì 10 luglio a rischio metro e bus, gli orari e le fasce di garanzie

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

Torna su
RomaToday è in caricamento