menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Torri Today

Punto verde qualità Ponte di Nona: i comitati si prendono la piazza per chiedere servizi e occupazione

A Ponte di Nona i Comitati sabato 12 marzo scendono in strada per protestare per la mancata apertura dell'asilo nido, pronto da molti anni. E per chiedere garanzie occupazionali per i lavoratori impiegati nella palestra e nella piscina del PVQ

L'asilo di via Don Primo Mazzolari

Non è la prima volta che i residenti protestano per la mancata apertura del nido di via Don Primo Mazzolari. La struttura, realizzata nell’ambito della concessione per il Punto Verde Qualità di Ponte di Nona, è pronta da anni. La sua entrata in esercizio, consentirebbe di attenuare il problema delle  liste d’attesa, molto sentito nel popoloso quadrante. Il destino della struttura di via Mazzolari sembra però non volersi sbloccare, nonostante  i tentatavi messi in atto dai residenti. Neppure l'eclatante occupazione, inscenata nel 2014 dal Movimento dei Disoccupati Organizzati,  è riuscita a produrre gli effetti sperati.

LA MANIFESTAZIONE - Sabato 12 si proverà a riportare l’attenzione sul tema. A rendersi protagonista della manifestazione che dalle ore 10 percorrerà le strade del quartiere, ci saranno ancora una volta i Disoccupati Organizzati, il CdQ Nuova Ponte di Nona ed il movimento dei Quartieri Riuniti in Evoluzione. Questi ultimi ricordano che  “Cantone minaccia la chiusura in toto del Punto Verde Qualità, fregandosene dei lavoratori e dei cittadini che hanno già pagato tutta la retta di un anno”. Il QRE spiega che con la manifestazione si ribadisce invece la volontà “di  chiusura della sala slot e dell'annessa sala scommesse, perché è una vergogna che sia situata vicino ad una palestra ed un asilo nido su terreno pubblico”. Si chiede inoltre “l' apertura immediata dell'asilo nido che è pronto da 6 anni e che potrebbe ospitare fino a 120 bambini, dando la possibilità a tante mamme di poter avere una risposta alla mancanza di posti”.

I POSTI DI LAVORO - Non da ultimo c’è la questione occupazionale. Poiché nella palestra e nella piscina ci lavoravano molte persone. Anche per loro, si manifesterà sabato mattina. Il Comitato di Quartiere  lo mette nero su bianco attraverso un comunicato. Oltre che protestare per la mancata apertura dell'asilo nido, i suoi aderenti scenderanno in strada per chiedere garanzie occupazionali “per i dipendenti del centro sportivo Heaven, quando la struttura verrà finalmente acquisita dal Campidoglio”. Dunque il 12 confluiranno tanti temi, tante proteste, tenuti insieme da un solo filo conduttore. Quel Punto Verde Qualità che il Comune, con l’ex Assessore Sabella, aveva inserito nell’elenco degli undici che sarebbero dovuti rientrare nell’alveo della gestione pubblica

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Meteo a Roma, forte vento sulla Capitale: allerta della Protezione Civile

    • Incidenti stradali

      Incidente in via Appia, motociclista contro auto: morto decapitato

    • Cronaca

      Omicidio a Prati: gestore di una vineria ucciso da un tassista

    • Cronaca

      Sciopero a Roma, il 31 maggio metro e bus a rischio

    Torna su