TorriToday

Pedaggio A24, Scorzoni: “Di Pietro si opponeva a Toto. Cosa hanno combinato Alemanno e Polverini?”

L'ex consigliere municipale ha scritto stamattina sulle pagine Facebook dei comitati di quartiere del versante prenestino. Intanto il presidente Scipioni annuncia una mozione contro qualsiasi tipo di pedaggio

Fabrizio Scorzoni, ex Capogruppo del Pd in Consiglio municipale, ha pubblicato questa mattina su Facebook una precisazione sulla vicenda delle complanari della A24, divulgando la nota anche sulle pagine dei comitati del versante prenestino.

“Mi permetto di occupare la vostra bacheca, per cercare di fare chiarezza su decine di dichiarazioni che ascolto e leggo sul tema del pagamento delle complanari alla A24. Pur essendo certo di ciò che ho già dichiarato, ho vissuto in prima persona quel periodo, ho voluto confrontarmi con l’ex assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Roma, Giancarlo D’Alessandro e con l’architetto Lucia Conti, direttore del Dipartimento XII, entrambi presenti all’epoca del cambio da terza corsia a complanari. Ribadiamo, sono stato autorizzato da entrambi, che le motivazioni per la trasformazione decisa con l’allora Ministro Antonio Di Pietro, da terza corsia della A24 a complanari della A24, furono tre: consentire l'utilizzo delle complanari evitando il pagamento del pedaggio; separare i flussi di traffico della cintura della città, da quelli provenienti dai comuni esterni a Roma; consentire, al termine della realizzazione delle complanari, il passaggio del trasporto pubblico sulle stesse.

È ora che il gioco del ‘ping pong’ si fermi e si dica chiaramente cosa sia accaduto, nel 2010, tra Regione Lazio (governo centrodestra Polverini) Comune di Roma (governo centrodestra Alemanno) Anas etc., quando finalmente i lavori ripartirono dopo due anni di fermo totale e vennero assegnati a Toto, a cui si opponeva il ministro Antonio Di Pietro”. Scorzoni esorta poi il centrosinistra:”Stanate chi ha fatto questo accordo, parlate con i ministri attuali, ‘strizzate le palle’ ad Anas e torniamo alle complanari gratuite, tutto il resto non ci appartiene e se ciò accadesse per inerzia la responsabilità sarà di chi ci governa oggi, meno parole e più azione”.

IL PRESIDENTE SCIPIONI: “UNA MOZIONE CONTRO OGNI PEDAGGIO” - “Siamo contrari al pagamento delle complanari e del casello autostradale per gli abitanti del versante prenestino, che già soffrono per la mancanza di servizi sanitari e strutture scolastiche – precisa il presidente del VI Municipio, Marco Scipioni –. Non è possibile far pagare loro anche le complanari dell’autostrada. Pertanto, stiamo preparando una mozione da portare al più presto in Consiglio municipale, attivando anche una raccolta di firme con i cittadini contro qualsiasi tipo di pedaggio”.

I COMMENTI DEI RESIDENTI DI PONTE DI NONA AL POST – I cittadini di Ponte di Nona chiedono a Fabrizio Scorzoni di visionare la documentazione, ribadendo la necessità di fare chiarezza.

M.A.: “Vogliamo i fatti. Basta con campagne politiche inutili. Siamo cittadini di Roma, anche noi. Chi abita in centro non paga, noi ogni giorno dobbiamo pagare 1.20 per pochi chilometri, ma a volte non abbiamo scelta. Stiamo pagando con la salute le errate scelte altrui (campi rom, fumi tossici), stanno pagando i nostri figli con la mancanza di scuole e arredi scolastici, stiamo pagando di tasca nostra per la mancanza di mezzi pubblici, per fermate dei tremi promesse e mai realizzate 
G.G: “È ora di fare i nomi di chi ha trasformato una convenzione con tante belle prospettive per i cittadini, in un contratto vessatorio verso i cittadini stessi. Assurdo il modus operandi delle amministrazioni dell'epoca che ci ha, negli anni, costretto ad utilizzare una mulattiera, considerata non strategica, con il miraggio che in un tempo ragionevole (1000 giorni disse il buon Veltroni ed era il 2007) ci sarebbe stata consegnata un'arteria moderna e fruibile in maniera gratuita. 
B.F. “Questo è i momento di fare chiarezza, non di esprimere giudizi politici. Su questa vicenda c'è una mancanza di trasparenza assoluta e possiamo utilizzare questa discussione per iniziare a farla”
R.T: “Sig Scorzoni, se lei pubblica o è in possesso di prove concrete, penso che la gente leggerà. Capisca che ora come ora la gente non ha più fiducia nel politico, e qua a Nuova Ponte di Nona siamo particolarmente esasperati, visto la totale non curanza dei potenti politici”.
DANIELE GRASSO (PD): “La Commissione Lavori Pubblici del Municipio si è impegnata a reperire tutta la documentazione. Appena ne verremo in possesso tutti i cittadini verranno informati. Fabrizio ha dato delle info preziose, in quanto artefice e presente nel momento in cui certi fatti sono avvenuti. Poi afferma che ad un certo punto qualcosa è cambiato. Ciò sarà o meno comprovato dalla documentazione”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta dal viadotto: morto imprenditore del crack Qui!Group

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

Torna su
RomaToday è in caricamento