TorriToday

Via di Salone, l'esposto del CdQ: "E' tra le più pericolose di Roma"

Buche, carreggiata stretta e acquaplaning: il comitato Ponte di Nona torna a chiedere la messa in sicurezza di via di Salone, "una stradina di campagna diventata arteria fondamentale del quadrante est"

Buca in via di Salone (con vaso sanitario a tenere in piedi il segnale di lavori in corso)

Carreggiata ridotta, segnaletica carente, mancanza di illuminazione e buche che si aprono ad ogni pioggia. Con una lunga lettera indirizzata al Comune e alle istituzioni locali il comitato di quartiere Ponte di Nona torna a chiedere la messa in sicurezza di via di Salone, ad oltre un anno e mezzo dal sopralluogo della commissione lavori pubblici che già a marzo 2013 aveva ravvisato la necessità di un intervento con un atto ufficiale. 

ARTERIA FONDAMENTALE - Il tratto di strada in questione è quello che va da via Collatina a via di Noale, "il percorso naturale - spiega il comitato - per gli abitanti di tutto il quadrante di Roma Est (Nuova Ponte di nona, Ponte di nona vecchio, Colle degli Abeti, Lunghezza, Lunghezzina, Castelverde) per raggiungere il GRA (evitando il pedaggio dell’A24) e il versante Tiburtino e percorsa da centinaia di migliaia di romani per raggiungere il Centro Commerciale Roma EST". Insomma, "stiamo parlando di una stradina di campagna diventata arteria fondamentale", chiosa il comitato", tanto più  se consideriamo “la crescita esponenziale di residenti che la periferia est di Roma sta vedendo in questi anni". 

CRITICITA' - La denunzia del comitato non tralascia alcuna criticità. Si va dalle dimensioni ridotte della carreggiata ("sembra che le automobili quasi si sfiorino"), alla carenza di segnaletica, orizzontale ("non più visibile") e verticale (che manca del tutto). Come del resto manca l’illuminazione ("e guarda caso la gran parte degli incidenti si sono verificati di notte"). E poi le condizioni dell’asfalto, che sono pessime: "Ad ogni pioggia si aprono numerose, profonde buche che alla luce della  pericolosità della strada  moltiplicano enormemente il rischio di incidenti". Da non sottovalutare - ammonisce il Presidente Bruno Foresti - neppure il fenomeno dell’acquaplaning e la mancanza di guard rail, considerata anche la presenza di fossati. 

Insomma, un vero disastro, come certificato anche dalla fondazione ANIA (fondazione per la sicurezza stradale) che l’ha inserita tra strade più pericolose del Comune di Roma. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi casi, sono 11 in totale nel Lazio. I dati Asl del 27 maggio

Torna su
RomaToday è in caricamento