TorriToday

Villaggio Prenestino: alla scuola di periferia abbandonata ci pensano i genitori e le maestre (e solo loro)

Dalle carenze strutturali a quelle professionali: "Ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni"

I.C. Villaggio Prenestino - Foto da Google Maps

Villaggio Prenestino è un piccolo quartiere di periferia, si trova a est di Roma: qui il senso di comunità è tangibile anche, e soprattutto, intorno alle scuole. E la storia dell’Istituto comprensivo “Villaggio Prenestino” ne è un esempio. Racconta dell’entusiasmo di genitori e maestre che si fanno in quattro per i bambini ma denuncia anche un senso di vuoto, di abbandono istituzionale. 

Mamma Alessia: "Ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni"

È Alessia Moltoni, mamma di bambini che frequentano la scuola elementare dell’istituto comprensivo a raccontare come, dalla struttura al personale scolastico, questa scuola non sia nella lista delle priorità dell’amministrazione: “Tutto quello che facciamo per la nostra scuola lo facciamo con entusiasmo e gioia (compreso portare la carta igienica) ma ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni”. Quell’abbandono che per forza di cose crea spazi vuoti e che non si riferisce solo alle carenze strutturali. “Sì, è vero: nella nostra scuola mancano i banchi ma i miei figli sarebbero felicissimi anche di scrivere a terra se i loro compagni con disabilità fossero messi in condizioni di poter stare in classe senza disagi”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le carenze alla scuola, non solo strutturali

Il cambio di dirigenza ogni anno e la mancanza di personale specializzato creano un mancato senso di continuità di cui invece i genitori, i bambini e le maestre hanno bisogno. “La nostra è una classica scuola di periferia abbandonata, è una scuola vecchia dove interventi risolutivi non sono mai stati realizzati ma noi ce la mettiamo tutta perché le cose funzionino” ha concluso mamma Alessia. Nella mattina di lunedì, presso la scuola è attesa la visita del neo ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti, tra l’altro originario del Municipio VI. Che l’istituto comprensivo finisca sotto i riflettori e cambi qualcosa?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Morto a 35 anni di Coronavirus, paura tra i colleghi di Emanuele: il call center chiude, la Regione spiega

  • Coronavirus, a Tor Vergata muore un 35enne: non aveva patologie pregresse

Torna su
RomaToday è in caricamento