TorriToday

'Battaglia' Corcolle: il Comitato Uniti contro le discariche ringrazia

Dopo la fine dell'incubo della possibile discarica a due passi dalla Villa di Adriano il portavoce Gianni Innocenti ringrazia uno per uno tutti coloro che si sono battuti per evitare il possibile scempio nel versante orientale della città

A qualche giorno dall’epilogo, per noi positivo, di una vicenda durata otto mesi, nella quale abbiamo profuso energie a non finire, ci corre l’obbligo di fare poche considerazioni. E’ stata una battaglia di difesa civile. Da un giorno all’altro ci siamo trovati sulle spalle l’incubo di una discarica posizionata dove non avremmo mai potuto immaginare. A poca distanza da Villa Adriana, a 450 metri dalle prime case di Tivoli, vicina a San Vittorino ed a Corcolle, in quell’Agro romano antico sul quale la Provincia di Roma aveva avviato progetti di valorizzazione e, come abbiamo scoperto studiando, su una falda idrica copiosa preziosa per Roma. Una zona con decine di vincoli archeologici ed ambientali. Abbiamo poi alzato il velo su società anonime con sede in Svizzera, collegamenti equivoci, studi tecnici approssimativi e tendenziosi, omissioni, bugie, enormi giri di affari. Per alcuni di noi sarebbe stata la fine di una vita di lavoro, uno sconvolgimento totale, un avviamento alla precarietà, per tanti una ipoteca sulla salute. Ora la discarica di San Vittorino-Corcolle si è allontanata, hanno prevalso la ragione e la tutela di un territorio prezioso per centinaia di migliaia di persone, hanno prevalso la Storia e la Cultura, ha prevalso la gente comune sulla voglia smodata di cinico arricchimento.

PRIMI RINGRAZIAMENTI - Di questo andiamo orgogliosi ma non ci basta, vogliamo che anche nella nostra provincia si avvii un ciclo dei rifiuti virtuoso che renda minima la necessità di discariche ed inceneritori come avviene nel resto d’Europa. Solo allora potremo gioire veramente e ricordare con piacere la nostra dura battaglia. Mentre un abbraccio affettuoso lo riserviamo a Franca Valeri, Giorgio Albertazzi, Urbano Barberini, Philippe Daverio ed al Professor Andrea Carandini dobbiamo ringraziare tanti, con il pericolo di dimenticare qualcuno che preghiamo di scusarci già da ora.

ISTITUZIONI - Li elenchiamo così come ci vengono in mente ripercorrendo un sentiero lungo il quale non avremmo mai immaginato di doverci arrampicare usando le unghie ed i denti: Il Presidente della Repubblica ha avuto la pazienza di ascoltare le nostre istanze. I Ministri Clini ed Ornaghi con i funzionari dei ministeri dell’Ambiente e dei Beni culturali hanno svolto una funzione fondamentale a tutela dei vincoli che insistono sul territorio di San Vittorino-Corcolle. L’Autorità di bacino del Tevere, con i suoi funzionari ed i suoi tecnici, ha dimostrato una assoluta professionalità ed assolto in pieno le sue funzioni istituzionali. La Commissione petizioni del Parlamento europeo ha ascoltato i nostri delegati ed approvato la nostra istanza su interessamento dell’Onorevole Guido Milana che insieme a cento parlamentari europei ha scritto al Capo del Governo italiano. Molti Parlamentari europei, Senatori e Deputati della Repubblica, di ogni estrazione politica, hanno scritto e presentato documentate interrogazioni. Alcuni consiglieri Regionali, Provinciali e Comunali hanno presentato interrogazioni importanti nelle assemblee di appartenenza. I sindaci e le Amministrazioni comunali di Casape, Castel Madama, Gallicano, Palestrina, Poli, San Gregorio, Tivoli, Zagarolo

ARTE E CULTURA - Un grande aiuto ci è venuto dal mondo della Cultura e dell’Arte, e particolarmente da Andrea Fausto Zevi, Francesco Biondi, Ezio Curti, Flavia Marimpietri, Franco Sciarretta, Louis Godart, Vittorio Sgarbi. Il Professor Bernard Frischer dell’Università della Virginia ha attivato una petizione internazionale per salvare Villa Adriana cui hanno aderito oltre 5.000 persone di ogni parte del mondo. Marisa Ranieri Panetta, firma culturale de L’Espresso, ha attivato un appello al Presidente Monti sottoscritto da archeologi, accademici e direttori di dipartimenti universitari, registi, giornalisti, artisti e attori: Adriano Celentano, Fiorella Mannoia, Sabina Guzzanti, Alex Britti, Claudio Baglioni, Paolo e Vittorio Taviani, Ugo Gregoretti, Daniela Poggi, Giancarlo Carofiglio, Simona Marchini, Giuseppe Zeno, Paola Gasman, Ugo Pagliai.

ASSOCIAZIONI E COMITATI - Italia Nostra con Carlo Ripa di Meana e Vanna Mannucci. Legambiente con Lorenzo Parlati, Francesco Ferrante e Roberto Della Seta. Il WWF con Vanessa Ranieri. Il FAI con Giulia Maria Mozzoni Crespi e Ilaria Borletti Buitoni. Il Centro Internazionale Antinoo per l’Arte con Laura Monachesi.

STAMPA E MEDIA - Dal mondo del giornalismo in tanti hanno fatto informazione corretta su quello che poteva succedere a Villa Adriana ed al nostro territorio, Sergio Rizzo e Gianantonio Stella (Corriere della Sera), Nello Trocchia, Mattia Feltri e Andrea Palladino (Il Fatto Quotidiano), Ylenia Sina (Il Manifesto), Manuele Bonaccorsi (Left), Andrea Gagliardi (Sole 24 Ore), Francesca Talamo e Giorgia Rombolà (L'Unità), Fulvio Ventura (Il Messaggero), Anna Laura Consalvi (Il Tempo), Giordano Proietti (Fotografo), Giulia Cerino (Servizio Pubblico), Rosanna Tempestini (Tiburno), Mauro Cifelli (Roma Today), Veronica Altimari (Paese Sera), Rossana Rivolsi (Radio Radicale), Sonia d’Ottavio e Francesca Capovani (Tg3 Lazio), Riccardo Iacona e Cinzia Torriglia (Presa Diretta), Fabio Carosi (Affari Italiani), Maddalena Carlino (Roma Uno), Laura Ceccherini (Sky Tg24), Il Fatto Quotidiano, Il Corriere della sera, XL giornale, Dentro Magazine, Il Sole 24 ore,  Tiburno, Il messaggero, TG1, TG3 e TG3 regionale, TG5, Striscia la Notizia, Atlantide de La7, Teleroma 56, Tele Roma Uno, Rairegione, Presa diretta, Tibursuperbum e tanti altri che non riusciamo a ricordare e ce ne scusiamo.

TO BE CONTINUED - Tutti, indistintamente, hanno dato un contributo che è stato importante ed ha fatto sì che la nostra resistenza civile per difendere Villa Adriana, l’Agro romano antico, la falda idrica che alimenta i quartieri est di Roma, diventasse un caso nazionale. A tutti, compresi coloro che non amano essere nominati, è diretto il nostro più sentito ringraziamento e l’appello perché ci sostengano ancora nelle prossime iniziative a tutela di questo splendido territorio per il quale continueremo a lavorare. (Comitato Uniti contro le Discariche)
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio al Nuovo Salario: 43enne ucciso in strada a colpi di pistola

  • Thomas Adami e Matteo Calabria, i due giovani calciatori morti su via Tiburtina: Tivoli e Guidonia sotto shock

  • Smog: blocco del traffico a Roma, stop tre giorni ai veicoli più inquinanti nella Fascia Verde

  • Tragedia sfiorata sul raccordo: ubriaco contromano provoca incidente, 5 feriti

  • Incidente sul Raccordo Anulare: si scontrano moto e camion, morto 64enne

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 25 e domenica 26 gennaio

Torna su
RomaToday è in caricamento