TorriToday

Tor Bella Monaca come la Garbatella, Alemanno: "Ad ottobre pronto il piano"

Il piano prevede l'abbattimento delle torri e di alcuni palazzi del quartiere e la costruzione di case basse. L'architetto Nicolini: "Riqualificare e trasformare, non demolire"

A fine ottobre l'amministrazione capitolina presenterà un piano che trasformerà Tor Bella Monaca nella Garbatella. Ad annunciarlo, lunedì sera da Cortina, é il sindaco di Roma Gianni Alemanno. "Sbaglia chi pensa che sia una boutade estiva: a fine ottobre presenteremo un master plan della zona e faremo un confronto diretto con i residenti, anche con un referendum, perché vogliamo attuare una urbanistica partecipata e non calata dall'alto", ha affermato il primo cittadino. Il piano prevede l'abbattimento delle torri e di alcuni dei lunghi palazzi orizzontali del quartiere.

"I grattacieli servono - ha spiegato Alemanno - per realizzare servizi e non residenze. Lo schema edilizio verticale é fallito. Penso per Tor Bella Monaca a case come quelle della Garbatella". Case basse, dunque, e con ampi spazi verdi. La trasformazione del quartiere periferico di Roma, spiega il sindaco, non é dettata "soltanto da motivi legati all'estetica ma anche funzionali: nelle case di Tor Bella Monica ci piove dentro, la qualità di vità dei cittadini è pessima perché spesso di tratta di prefabbricati spinti e tra una lastra e l'altra ci sono crepe ed infiltrazioni. Forse Asor Rosa questo aspetto non lo conosce".

E' stato anche affrontato il versante economico: "Puntiamo ad edificare le aree circostanti con premi di cubature da dare ai costruttori, quindi senza esborsi per l'amministrazione comunale". Diversa per il sindaco la situazione dell'altro quartiere periferico di Corviale. "Non c'é un problema funzionale, non piove dentro le case. C'é un problema di organizzazione bisogna abolire il condominio unico e crearne diversi, puntare sui servizi. Su questo sono d'accordo con Asor Rosa, non si può abbattere soltanto per un pregiudizio estetico".

L'architetto Renato Nicolini, già assessore alla cultura del Comune di Roma, non é affatto d'accorso con così l'ipotesi di abbattimento e ricostruzione del quartiere di Tor Bella Monaca. Secondo Nicolini, infatti, sarebbe più corretto recuperare il quartiere "costruendo e non demolendo".

"L'architettura europea - continua l'architetto - recupera, riqualifica, costruisce, trasforma, crea spazi per la vita culturale e sociale. Ma per far questo ci vuole uno sforzo di fantasia. E la proposta di demolire manca assolutamente di qualsiasi fantasia".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Ponte Mammolo, cadavere vicino i cassonetti: trovate macchie di sangue sui pantaloni

  • Disperso nel lago di Castel Gandolfo: ritrovato dopo 16 giorni il corpo di Carlo Bracco

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 24 e domenica 25 agosto

  • Incidente su via di Castel Fusano: scontro auto moto, morto un 40enne

Torna su
RomaToday è in caricamento