TorriToday

Tor Bella Monaca, centro anti violenza a rischio. L'assessora M5s spiega il bando

Abbiamo raggiunto l'assessora alle politiche sociali del Municipio VI, Francesca Filipponi, che ha spiegato le motivazioni del bando

Con la mozione approvata durante il consiglio dello scorso 16 marzo, il Municipio Roma VI delle Torri, ha approvato la volontà di ritornare in possesso di alcuni dei locali presenti sul territorio. Tra questi anche il centro antiviolenza Marie Anne Erize di via Amico Aspertini che sarà dunque messo a bando per essere destinato sempre allo stesso scopo. Immediata la reazione della presidente del centro che ha subito avviato una petizione. Abbiamo raggiunto l'assessora alle politiche sociali del Municipio che ha spiegato secondo quali criteri e per quali motivi è stata presa questa decisione.

"Sul territorio del Municipio esistono dei locali che, negli anni, sono stati affidati in maniera diretta, pertanto - ha commentato Francesca Filipponi, assessora alle politiche sociali del Municipio Roma VI delle Torri - abbiamo necessità che questi locali vengano messi a bando". Su questo ha puntualizzato: "Non solo perché questo aspetto è tra i punti cardine del nostro manifesto ideologico ma anche perché, assegnando i locali con regolare bando è possibile avere controllo sull'operato, monitoraggio e valutazone delle iniziative oltre che delle vere opportunità". Il riferimento dell'assessora è chiaro rispetto a eventuali fondi da destinare alle realtà sociali che operano proprio nelle strutture del Municipio. Nello specifico, quindi, Filipponi ha aggiunto: "I locali sono stati affidati all'associazione CESP in via provvisoria nel gennaio 2015 per la durata di sei mesi a cui ha fatto seguito l'indennità di occupazione, (51 euro annui ndr)che ha declinato l'amministrazione da ogni responsabilità ma non ha risolto le problematiche del municipio". Ha concluso: "La nostra non è una presa di posizione nei confronti dell'associazione che può partecipare al bando e vincere se in possesso di tutti i requisiti richiesti".

Intanto, Stefania Catallo, presidente del centro antiviolenza Marie Anne Erize ha lanciato una nuova iniziativa che si svolgerà nella giornata di sabato 25 marzo presso i locali di via Aspertini 393. "Nel pomeriggio di sabato - ha commentato Catallo - sarà possibile visitare il centro e vedere le attività nel pieno dello svolgimento". Sulla programmazione Catallo ha anticipato: "Saranno aperte sia la biblioteca che la sartoria solidale - ma ha puntualizzato - per tutelare la privacy degli utenti che hanno già appuntamento con noi riceveremo quanti vorranno intervenire dalle 13.00 alle 14.30 e dalle 17.00 alle 19.00". Infine l'invito alle istituzioni: "Invitiamo, negli orari indicati, il presidente Roberto Romanella, l'assessora alle politiche sociali e quanti delle istituzioni vogliano verificare lo svolgimento delle attività all'interno del nostro centro, anche in questo caso chiediamo il rispetto degli orari indicati".

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Cerveteri si prepara al Jova Beach Party: bagni vietati e stabilimenti chiusi in anticipo. Tutte le info

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

Torna su
RomaToday è in caricamento