menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Torri Today

Orfini fa la voce grossa su facebook: "Chi ha votato la fiducia a Scipioni è fuori dal Pd"

Il commissario del Pd, come fatto a luglio, mette alla porta chi appoggia Scipioni. Si attendono ora gli atti ufficiali

Otto mesi di tentativi, otto mesi di fallimenti. Matteo Orfini vuole Marco Scipioni fuori dal municipio delle Torri e dal Pd. Marco Scipioni a togliere il disturbo non ci pensa proprio. Così  da giugno i due hanno ingaggiato un duello che sta sgretolando quel che restava del partito democratico. Prima il "vattene" a mezzo stampa, con il niet del numero uno di viale Cambellotti. Poi la richiesta ai consiglieri Pd di votare contro Scipioni, con la conseguente spaccatura del partito in municipio. Ieri l'ultimo atto con la bocciatura della mozione di sfiducia voluta dai dem orchestrati da Gennaro Migliore

Un fallimento, l'ennesimo, per il commissario e il suo emissario a Tor Bella Monaca. Proprio come accaduto a luglio, quando minacciò di cacciare tutti coloro i quali sarebbero rimasti al fianco di Scipioni, Orfini torna ad attaccare a testa bassa, spiegando cosa è accaduto ieri, ma soprattutto chiarendo che "chi ieri ha deciso di votare la fiducia non avrà alcun futuro nè nel partito democratico nè nella coalizione di centrosinistra che alle elezioni riporterà il buon governo nel VI municipio". 

Secondo Orfini nel VI municipio "poco e niente ha fatto l'amministrazione comunale mentre quella municipale è stata gestita in modo padronale e assai poco trasparente. Non è un caso che di quel territorio in questi giorni si sia dovuta occupare persino la commissione antimafia". L'ex giovane turco non esita a dire che "il pd del VI municipio era uno dei peggiori di Roma. Ed è uno dei primi -insieme a Ostia- sul quale sono intervenuto chiedendo a Gennaro Migliore -che ringrazio per il lavoro di questi mesi- di occuparsene. Abbiamo messo alla porta chi pensava che si potesse gestire un partito clientelarmente e chi amministrava le istituzioni facendo dell'opacità una regola"

Quindi la spiegazione della mozione di sfiducia: "Ieri abbiamo portato in municipio una mozione di sfiducia verso il presidente Scipioni, che dal pd abbiamo allontanato mesi fa. Purtroppo non è passata, grazie al sostegno decisivo della lista Marino, che qualche settimana fa proprio con l'ex sindaco e con Scipioni ha ritenuto di svolgere un'assemblea in quel territorio. Le ragioni per cui la lista Marino abbia deciso di difendere una amministrazione così palesemente lontana dai principi della bella politica sono per me imperscrutabili".

Infine il ringraziamento ai consiglieri Pd che sono stati fedeli alla linea: "Ringrazio i consiglieri del Pd che stanno portando avanti questa battaglia di rinnovamento e i tanti militanti e cittadini che stanno ricostruendo nel VI municipio un Partito democratico di cui possiamo finalmente essere orgogliosi". 

Ora si attendono le espulsioni ufficiali. Va detto infatti che la minaccia di cacciare i consiglieri non è nuova, ma mai nulla di ufficiale è giunto ai consiglieri di Tor Bella Monaca. Attendono la cacciata, oltre al presidente e agli assessori, anche i consiglieri Consolino, Criscuolo, Giammarini, Gidaro e Pelone.

Stessa situazione di incertezza anche per quanto riguarda i circoli che sono stati i primi a rispondere. "Serve un confronto a strettissimo giro soprattutto dopo le affermazioni odierne che non sostengono una volontà di unità e di lavoro congiunto bensì proseguono nel lavoro di divisione e di creazione di barriere tra le persone che da sempre hanno sostenuto il PD", fanno sapere i coordinatori dei circoli. Infine aggiungono: "Per noi tutto ciò è doloroso oltre che inaccettabile - proseguono - pertanto chiediamo un chiarimento urgente ma con le carte e i documenti alla mano". Concludono: "Siamo tutti alla vigilia di una campagna elettorale che rischia di costare cara al nostro partito e alla città di Roma ed ora più che mai, deve vincere il buon senso e la capacità di associare gli elettori attorno al nome di Roberto Giachetti".

Potrebbe interessarti

Commenti (1)

  • Ma questo signore ancora NON ha capito che il PD a roma è in caduta libera????

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Omicidio a Prati: gestore di una vineria ucciso da un tassista

  • Cronaca

    Sciopero a Roma, il 31 maggio metro e bus a rischio

  • Cronaca

    Rissa tra coppie al parcheggio del Centro Commerciale: donna stesa da un pugno

  • Cronaca

    Omicidio Nino Sorrentino, residenti sotto choc: "Una brava persona, ben voluta da tutti"

Torna su