TorriToday

Municipio VI: "I fondi per la riqualificazione dei tre parchi sono già nel bilancio comunale"

E' l'assessora all'ambiente Katia Ziantoni a spiegare l'iter e progetti per la riqualificazione dei tre parchi

Parco Alessandro Conti - Foto d'archivio

“I fondi per riqualificare i tre parchi (Collina della Pace, parco dell’Acqua e del Vino e il parco Alessandro Conti) sono già sul bilancio comunale e gli interventi si faranno”. Ad annunciarlo è il Municipio VI in risposta alle affermazioni del capogruppo PD Fabrizio Compagnone pubblicate sul nostro giornale lo scorso 15 ottobre. Al centro della polemica il taglio dei fondi da parte del Governo alle periferie nell’ambito di un progetto governativo che risale al 2016 (qui la notizia).

Ai taccuini di Roma Today le risposte dell’assessora all’ambiente Katia Ziantoni.

La deliberazione di giunta del 25 agosto del 2016 annovera i tre parchi in questione nell’elenco dei parchi da riqualificare nell’ambito del “bando periferie 2016”. Nello stesso documento sono riportati i costi per ogni singolo parco. Il governo ha effettuato tagli ai fondi destinati alle periferie. Ora, sulla base di questo, la realizzazione dei progetti per i tre parchi attraverso quali fondi avviene?

Gli interventi di riqualificazione dei tre parchi sono stati previsti attraverso il cosiddetto “avanzo di amministrazione”.
 

Per ogni parco quanto viene speso? Le somme sono sempre le stesse?
Gli importi per le opere dei tre parchi sono invariati, ovvero 395.000 euro per il Parco dell’Acqua e del Vino, 265.000 euro per il Parco Conti e 345.000 euro per il Parco di Collina della Pace.
 

Risulta che i tre parchi nel bilancio di Roma siano alla voce: alienazione quote partecipate. Puoi spiegare?
I fondi dei 3 parchi sono in capo al centro di costo 0VP - verde pubblico del Dipartimento Ambiente, sotto la risorsa “avanzo di amministrazione” che corrisponde al codice E.VA.IV.00.000.FAM, diverso dalla risorsa “alienazione quote partecipate”.

Quando si parla di fondi presenti sul bilancio comunale e già impegnati, significa che c’è una scadenza per la presentazione del progetto?
I fondi sono stanziati e disponibili sul bilancio del Comune di Roma. Entro fine anno va fatto il progetto definitivo e indetta la gara per l’esecuzione dei lavori nel 2019. La progettazione è stata anche partecipata con le associazioni del territorio attraverso incontri convocati presso l’Assessorato e sopralluoghi congiunti con il Municipio VI direttamente sul posto.
 

Questi fondi hanno una scadenza?Le scadenze sono legate appunto ai termini del bilancio, ovvero progettazione e gara entro 2018 ed esecuzione lavori nel 2019, pena la perdita dei fondi.

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Sciopero a Roma: mercoledì 24 luglio a rischio bus, metro e tram. Gli orari

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

Torna su
RomaToday è in caricamento