TorriToday

Tor Bella Monaca: Forza Nuova prova il blitz contro Asia Usb, scontri e un poliziotto ferito

Tutti idenficati i partecipanti. Manifestazione non autorizzata, violazione dell'ordine dell'Autorità, violenza resistenza a Pubblico Ufficiale, i reati che saranno contestati

Serata di tensione quella di ieri a Tor Bella Monaca. Nonostante il divieto della Questura, un gruppo di attivisti di Forza Nuova si è presentato in via dell'Archeologia. Obiettivo un'azione contro gli appartenenti alla sigla Usb, in quel momento riuniti proprio nella sede di via dell'Archeologia. 

Lanci di bottiglie contro Usb, sassi e momenti di tensione hanno reso necessario l'intervento delle forze dell'ordine. La resistenza degli antifascisti, in difesa dei propri luoghi, non è mancata. Negli scontri, secondo quanto riferito dalla Questura, un funzionario di polizia è rimasto ferito. Tutti idenficati i partecipanti, individuati grazie alle riprese della polizia scientifica. Manifestazione non autorizzata, violazione dell'ordine dell'Autorità, violenza resistenza a Pubblico Ufficiale, i reati che saranno contestati.

Aggressione contro Asia Usb a Tor Bella Monaca 

A raccontare a RomaToday i momenti di tensione vissuti è Giacomo Gresta (Asia Usb) che insieme ad altri membri del sindacato si trovava in via dell'Archeologia per un incontro con i residenti del quartiere. Il sindacato qui ha uno sportello ed è presente sul territorio da tempo: "Erano circa le 20.30", ha raccontato Gresta. "Eravamo qui a parlare con la gente di casa, lavoro, disoccupazione, insomma i temi intorno cui ruota la nostra filosofia politica quando c'è stata l'irruzione". 

Quindi ha continuato: "E' arrivato un gruppo di dieci o quindici militanti di Forza Nuova, con in testa Giuliano Castellino che si è immediatamente scagliato contro di noi. Da qui gli scontri". 

Il racconto di Forza Nuova

Un film diverso è quello raccontato da Forza Nuova in un comunicato: "Il popolo di Tor Bella Monaca ha dimostrato con i fatti che le periferie romane sono sempre più legate ai fascisti. La sinistra antifascista è scesa in piazza, nonostante la manifestazione di Forza Nuova e Roma ai Romani fosse stata annullata su ordine della Questura. Vista la situazione, la gente del quartiere è scesa in strada per protestare contro l'ingiustizia e per respingere i manifestanti di Pd e centri sociali. Immediata la risposta dei militanti di Forza Nuova e Roma ai Romani, che, insieme ai residenti, hanno dato vita a violenti scontri, mettendo in fuga gli antagonisti, letteralmente cacciati dal quartiere". La nota si conclude con un ". Roma è dei fascisti, fatevene una ragione", che si commenta da sola. 


Al racconto si affiaca la presa di posizione di Roberto Fiore, leader di Forza Nuova: "Il Questore prima proibisce una manifestazione, poi chiude la sede di FN e poi consente all'estrema sinistra di manifestare nello stesso luogo in cui doveva svolgersi la manifestazione.  A questo punto, il popolo di Tor Bella Monaca scende in piazza per protestare contro i soprusi, risultato? Estrema sinistra fuori dal quartiere e polizia che arresta Giuliano Castellino. Il Questore sarà denunciato per l'accanimento contro Forza Nuova" - dichiara Roberto Fiore. Castellino fa sapere che "l'antifascimo è stato nuovamente sconfitto  dal popolo romano indignato".

La gente del quartiere 

In realtà, relativamente ai residenti, dalle testimonianze raccolte le cose sarebbero andate diversamente rispetto ai racconti di Forza Nuova. I cittadini di Tor Bella Monaca infatti, dopo le prime invettive di Giuliano Castellino contro la sede di Asia Usb, sarebbero scesi in strada proprio per fermarlo, ribadendo l'importanza del presidio del sindacato per gli inquilini di Tor Bella Monaca. 

Il Partito democratico commenta 

Vicina agli scontri la sede del Partito Democratico, ignorata però dai fascisti. Il segretario romano del Pd Andrea Casu, al circolo in quel momento, ha raccontato gli scontri parlando di "un intero quartiere è ostaggio di un manipolo di estremisti. Siamo al fianco delle forze dell'ordine che si stanno impegnando al massimo per garantire comunque la sicurezza nostra e di tutti i cittadini. E' proprio in momenti come questo che emerge la necessità di approvare la proposta di legge Fiano sull'introduzione del reato di apologia del Fascismo". 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco traffico, a Roma vietati tutti i diesel anche mercoledì 15 e giovedì 16 gennaio

  • Blocco auto, a Roma martedì diesel vietati fino agli Euro 6: tutte le informazioni

  • Blocco traffico, a Roma diesel fino a Euro 6 vietati anche venerdì 17 gennaio

  • Il Comune di Roma assume, 1512 i posti a disposizione: ecco il concorsone

  • Blocco traffico, a Roma diesel vietati anche domani: smog ancora alle stelle

  • Blocco auto: chi può circolare a Roma domani 19 gennaio

Torna su
RomaToday è in caricamento