TorriToday

Scabbia alla materna di Giardinetti, genitori infuriati: "Preside chiuda la scuola"

Questa mattina la protesta davanti alla Martin Luther King. Rita, una mamma: "Abbiamo lasciati a casa i nostri bambini, siamo preoccupati". In serata le rassicurazioni del municipio: "Dalla Asl nessun notifica di scabbia. Domani sopralluogo"

Genitori davanti alla Martin Luther King

Chiedono un intervento straordinario sull'intero plesso, per stare tranquilli sulle condizioni igieniche della scuola dove ogni giorno portano i loro figli. C'è rabbia tra i genitori riuniti dalle 8 di questa mattina fuori dalla Martin Luther King a Giardinetti. Ad accendere la protesta il caso della bambina finita in ospedale con tracce di scabbia accertate dai medici del Bambin Gesù. Con lei altri due piccoli ricoverati due giorni fa e un altro caso venuto fuori nella mattinata di oggi. Di questi tre ancora la patologia non è stata ufficialmente diagnosticata. E la preside, finché non arriveranno eventuali certificati sanitari, non sembra avere intenzione di chiudere il plesso come invece richiesto da un gruppo di genitori. 

Il braccio di ferro è in corso e una delegazione di mamme è entrata a scuola per parlare con la dirigente. "Ho lasciato mio figlio a casa, come hanno fatto tanti altri genitori" racconta Rita, una delle mamme presenti alla King. "La preside dice che finché l'ospedale non invia un documento alla scuola lei non farà niente. Ci siamo rivolti anche alla Asl, ma è la dirigente che decide". Strettamente connessa alla questione scabbia e igiene del plesso scolastico c'è poi la presenza di ratti all'interno dell'edificio, avvistati più volte da settembre. "Ci è stato assicurato che sono stati svolti tutti gli interventi necessari per derattizzare, ma la scuola non è mai stata chiusa e non è stato possibile vedere nessun documento che attesti quanto fatto". 

Sul posto anche i Carabinieri e il capogruppo di Fratelli d'Italia in VI municipio, Nicola Franco, che ha commentato la protesta con una nota stampa insieme a Fabrizio Ghera, capogruppo Fdi in Campidoglio. "Poichè si tratta di un patologia legata all'acqua e alla mancanza di igiene ed essendo particolarmente contagiosa, abbiamo chiesto chiediamo con urgenza un intervento straordinario presso il plesso scolastico interessato, ma inspiegabilmente sia il Comune che il municipio non hanno ancora fatto sapere come e quando intendono intervenire, un atteggiamento gravissimo che lede la sicurezza dei bambini".  

DAL MUNICIPIO - In tarda serata il comunicato dell'assessore alle Politiche sociali del VI municipio, Francesca Filipponi, tranquillizza i genitori e frena le polemiche. "L’Asl ci ha informati che nessuna notifica di scabbia riguardante alunni o personale della scuola in oggetto risulta pervenuta dal 1 dicembre 2016 ad oggi. Il municipio sta seguendo la vicenda con attenzione e cura al fine di garantire controlli e presenza". Inoltre "il municipio ha inoltrato al direttore del Dip.to Prevenzione Pubblica (UOC Igiene pubblica) e alla Responsabile della Sorveglianza e prevenzione malattie infettive e parassitarie del medesimo Dipartimento la richiesta di una tempestiva verifica delle condizioni igienico sanitarie del plesso scolastico". Per domani è previsto un sopralluogo dell’Asl. Per quanto riguarda i topi, "venerdì scorso l'assessore municipale all’Ambiente, Mobilità e Patrimonio Katia Ziantoni ha provveduto a effettuare un sollecito ad Ama in merito ad una richiesta di derattizzazione interna ed esterna alla scuola". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Sciopero, a Roma lunedì 16 settembre a rischio i bus in periferia

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento