TorriToday

Colle degli Abeti: il comitato di quartiere in Commissione Ambiente

La seduta si è svolta il 6 Marzo in Municipio, con la partecipazione di altri comitati. Assenti invece i rappresentanti Ama. "Abbiamo ribadito le nostre richieste in merito al decoro e alla pulizia", spiega Federico Verdicchio

L'intervento del Pics e dell'Ama su via Puglisi. L'immagine è stata pubblicata dal consigliere municipale Grasso

Rifiuti, sporcizia e raccolta differenziata a Colle degli Abeti sono stati oggetto di dibattito, lo scorso 6 marzo, in Commissione Urbanistica e Ambiente del Municipio. Presenti alla seduta Pasquale Gidaro, presidente dell’organo istituzionale, i consiglieri Danilo Reali e Giuseppe Sardone, i rappresentanti dei comitati di quartiere di Colle degli Abeti (Laura Arnetoli e Carlo Frondutiche), Villaggio Prenestino e Colle Prenestino. Assenti invece i due rappresentanti dell’Ama. 

“I consiglieri municipali Grasso, Gasparutto e Gidaro ci hanno avvisato che questa mattina, alle 7:30, il Pics e l’Ama hanno rimosso la grossa discarica a cielo aperto presente in via Puglisi – ha spiegato Federico Verdicchio, presidente del comitato di quartiere Colle degli Abeti –  e che probabilmente entro breve provvederà anche ad ultimare la potatura dei pini pericolosi di via Caputo. Nell’incontro di giovedì, vista l’assenza dei funzionari dell’Ama, è stato pressoché impossibile giungere a qualche decisione. Quello che abbiamo potuto fare è stato semplicemente ribadire le nostre richieste, facendole mettere a verbale, in merito al decoro e alla pulizia, proponendo che la ‘macchina madre’ e i furgoncini che stazionano su via Puglisi vengano dislocati vicino le postazioni dei secchioni di via Piero Corti e via Caputo. Questo perlomeno potrebbe servire da deterrente per gli incivili che buttano tutto fuori dai cassonetti”. 

Durante l’incontro, è stato affrontato il problema del centro di raccolta che sarà realizzato a Ponte di Nona. “Abbiamo ribadito che siamo fortemente propensi a all’attuazione del sistema sanzionatorio previsto per legge – ha proseguito Verdicchio –, ma questo argomento non è ben visto dal presidente Gidaro, secondo cui si potrà procedere alle sanzioni soltanto quando sarà sistemato tutto il problema della raccolta dei rifiuti e cioè dopo che sia stato allestito il centro di raccolta a via Bonifati, dietro al centro commerciale Roma Est. Inoltre, devono trovare una struttura con area annessa, dove allocare i mezzi e dare la possibilità al personale di cambiarsi, perché gli operatori ai la mattina devono partire da Via Palmiro Togliatti e già questo crea perdita di tempo. Abbiamo proposto quindi di verificare se sia possibile o meno utilizzare ‘l’ecomostro’ che si trova tra via Liberti, via Piero Corti e via Puglisi che giace abbandonato da anni. Ma ci sono scarse possibilità perché è di proprietà di Di Veroli, che dovrebbe essere sotto procedimento penale”. 

Al centro del dibattito tra i cittadini e i consiglieri anche la questione dell’esame incrociato Acea e Ama. “Per quanto riguarda la mappatura delle utenze Acea nella zona limitrofa a Colle degli Abeti, per confrontarla con le utenze censite da Ama e individuare tutti ‘gli evasori’– ha precisato Verdicchio –, il comitato di quartiere Villaggio Prenestino ha precisato che oltre ad essere un lavoro molto lungo è anche non completamente affidabili: in molti edifici esiste un solo contatore che, tramite derivazioni, serve più abitazioni. Alla fine, è intervenuto alla riunione anche Mariano Angelucci, presidente della commissione Lavori Pubblici, comunicandoci che 15 giorni fa è stato richiesto ad Ama di istituire un servizio speciale per pulire le postazioni dei cassonetti, che nel 2014 scade il contratto con Ama, ma che nel 2015 scade anche la concessione. Per cui, fino a che le prestazioni di Ama non vengono riviste, non è in grado di darci una risposta sulla calendarizzazione della pulizia delle strade”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre i rappresentanti del Municipio hanno precisato che il numero dei cassonetti sarà aumentato, che lo spostamento della “macchina madre” da via Mazzolari a via Caputo è un intervento possibile e che verrà inviata al comitato di quartiere la programmazione settimanale con cui Ama dovrebbe svuotare i cassonetti su strada. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Si spegne l’Auchan di Porta di Roma: lo spettro dell’esubero su 250 lavoratori

  • Miss Roma 2020: in 15 per l'ambita corona. Domenica la premiazione a Frascati

  • Ai funerali Willy arriva 'Er Brasile', Minnocci respinto all'ingresso: "Trattato come bandito, ma volevo solo portare fiori"

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento