TorriToday

'Disco inferno' a Torre Angela: "Sesso nei portoni e urla fino al mattino"

Il locale è aperto da oltre un anno, in via Giuturna. I cittadini descrivono scene da film. "Abbiamo fatto esposti alle forze dell'ordine, ma qui non interviene nessuno"

Notti insonni tra urla e schiamazzi di gente ubriaca, che non paga di tenere sveglio il vicinato fino all'alba, fa sesso sui cofani delle macchine parcheggiate, o negli androni dei palazzi, urina ai muri, si mette al volante a velocità folli, si fa beffa dei residenti. 

"Siamo dei cittadini disperati e amareggiati per una situazione che si sta verificando da un anno", da quando in via Giuturna, a Torre Angela, è stata aperta una nuova discoteca, meta di ritrovo della comunità nigeriana della zona. Non che il carattere monoetnico del locale faccia la differenza, a mandare al manicomio i cittadini è il caos provocato dai suoi avventori. Bianchi o neri, a chi vuole dormire, cambia poco. 

E' Patrizia a descriverci l'inferno, con tanto di riprese in diretta dal balcone"Premetto che non sono una persona razzista, sono una mamma e mia figlia va a scuola con bambini di varie etnie. Qui però si tratta proprio di maleducazione profonda". Già, anzi, forse, proprio di civiltà. "Si riuniscono dal venerdì alla domenica, saranno almeno 200, dalle 23 fino alle 5 e 30 del mattino siamo costretti a subire le loro urla ubriachi. Sotto ogni portone hanno rapporti sessuali e urinano addosso le macchine". 

QUI IL VIDEO GIRATO DAI RESIDENTI

Uno 'schifo' difficile da sopportare per semplici cittadini che oltre a incappare di domenica mattina in scene hard sulla soglia di casa, con bimbi al seguito, rischiano anche di essere travolti da una della auto che in retromarcia percorre regolarmente la via, in barba a legalità e regole di convivenza. "Schizzano via con le macchine sempre ubriachi la mattina, una volta hanno investito un bambino, non hanno patente nè assicurazione".

Serve a poco invitare alla calma, la risposta è a suon di insulti. E sembra servire ancora meno chiamare le forze dell'ordine. "Sono pochi rispetto a loro e non riescono a fare nulla" racconta che Patrizia, la prima a rivolgersi alle autorità e a presentare esposti ai Vigili. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La situazione è rimasta la stessa". Ci fu un blitz tempo fa della Guardia di Finanza, "il locale è stato chiuso per prostituzione". Salvo riaprire "magicamente il giorno dopo". "A chi dobbiamo rivolgerci?". Qualcuno la soluzione l'ha suggerita. "Fate come a Tor Sapienza, altrimenti non vi ascolta nessuno". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Si spegne l’Auchan di Porta di Roma: lo spettro dell’esubero su 250 lavoratori

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Apre il centro commerciale Maximo, mancano le opere per il quartiere. Le spiegazioni dell'azienda

  • Coronavirus, a Roma città 108 nuovi casi da Covid19. Focolaio in una RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento