TorriToday

Ponte di Nona: pedaggi A24, interrogazione al Senato

Presentata da Maurizio Gasparri(FI) un'interrogazione contro gli aumenti sul tratto autostradale Tivoli-Roma Est

Su richiesta dell’associazione “L'Aquila e Le Torri”, il senatore Maurizio Gasparri (Forza Italia) ha presentato un’interrogazione, destinata ai ministri delle Infrastrutture e dei Trasporti e dell’Economia e delle Finanze, contro gli aumenti dei pedaggi del tratto autostradale A24 Tivoli-Roma Est.

Nell’atto si specifica che il “costo della tratta Tivoli-barriera Roma est, che è di circa 4,8 chilometri, è passato da 1,90 euro (già poco sostenibili) a 2,10 euro, imponendo ai pendolari un costo giornaliero di 4,20 euro, tra andata e ritorno”. Con l’interrogazione si chiede di sapere quali orientamenti i ministri in indirizzo intendano esprimere in riferimento a quanto esposto e, conseguentemente, quali iniziative vogliano intraprendere, nell'ambito delle proprie competenze, per porre rimedio a questo incontrollato aumento dei pedaggi nell'autostrada A24 (cosiddetta autostrada dei Parchi)".

Premesso che negli ultimi giorni del 2013 i ministri in indirizzo hanno firmato il decreto che prevede l'aumento dei pedaggi autostradali per il 2014 – si legge nell’interrogazione di Gasparri –, mediamente del 3,9 percento e in alcuni casi l'incremento supera l'8 per cento;  che la dichiarata percentuale media dell'aumento, pari al 3,9 per cento, viene stabilita a fronte di un'inflazione media del 2013 pari all'1,3 per cento e ad una richiesta da parte dei gestori del 4,8 percento e le percentuali eccedenti sono state momentaneamente congelate e potrebbero essere riprese nel mese di giugno, quando sarà definito il nuovo piano quinquennale dei piani finanziari delle autostrade e che potrà quindi esservi una seconda rata di aumenti, come accadde nel 2013”.

“Esaminando l'elenco degli aumenti, pubblicato sul sito web del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – conclude Gasparri  –, emerge che solo pochi casi si avvicinano al valore medio del 3,9 percento e che due autostrade ottengono addirittura un incremento doppio alla media: Centropadane (8,1 per cento) e autostrada dei Parchi (8,28 per cento). Quest'ultima viene percorsa quotidianamente da migliaia di lavoratori provenienti dalla valle dell'Aniene, che si recano a Roma per lavoro e che si vedono costretti ad utilizzare l'autostrada dei Parchi, poiché la viabilità ordinaria è inadatta e congestionata dal traffico”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alessandro Petrini-2PETRINI (L’AQUILA E LE TORRI): “IMPENSABILE UNA SPESA GIORNALIERA DI 4,20 EURO” - “Ringrazio il senatore Gasparri, che, anche a seguito delle nostre richieste, si è subito attivato contro gli assurdi aumenti dei pedaggi del tratto autostradale compreso tra Tivoli e Roma Est – ha detto Alessandro Petrini, fondatore dell’associazione L’Aquila e Le Torri –. Quello è un tratto di strada percorso quotidianamente da migliaia di lavoratori e studenti provenienti da Tivoli e della Valle dell’Aniene, costretti ad utilizzare l’autostrada dei Parchi poiché la viabilità ordinaria è inadatta e congestionata dal traffico ed è impensabile chiedere a queste persone una spesa giornaliera di 4.20 euro tra andata e ritorno per compiere nemmeno 5 chilometri di strada. Penso che il Governo, che ha dato facoltà tramite il decreto di aumentare i prezzi  e Strada dei Parchi Spa che li ha aumentati maggiormente in Italia (8,28%) siano completamente distaccati dalla realtà. L’invito che rivolgo è quello di uscire dai loro palazzi e andare per strada a toccare per mano la situazione di gravissima crisi economica in cui versano le famiglie, ormai letteralmente esasperate, a cui è stata tolta ogni speranza per il futuro. So che il ministro Lupi ha invitato le società ad attuare gli sconti graduali, ma sono altrettanto consapevole che questo non è sufficiente a risolvere la situazione. Valuteremo insieme al senatore Maurizio Gasparri  ulteriori azioni contro questi rincari, a difesa dei cittadini tiburtini e della Valle dell’Aniene”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Si spegne l’Auchan di Porta di Roma: lo spettro dell’esubero su 250 lavoratori

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Apre il centro commerciale Maximo, mancano le opere per il quartiere. Le spiegazioni dell'azienda

  • Omicidio a Marconi: colpito da una coltellata, morto 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento