TorriToday

Metro C, direzione Torre Spaccata: su manutenzione e decoro è gia polemica

Superato il Gra la nuova metropolitana fa tappa a Torre Maura e Torre Spaccata. Le perplessità riguardano la manutenzione degli spazi in superficie: il Municipio VI chiede risorse extra e minaccia di non prendere in carico le aree esterne

Con il taglio del nastro clamorosamente rimandato a data da destinarsi le perplessità sulla metro C aumentano ora dopo ora. E non parliamo solo dei dei problemi tecnici emersi nelle ultime ore, bensì dei timori espressi da residenti e amministratori per il decoro e la manutenzione delle aree di superficie.

Il problema si pone con tanta più evidenza una volta passato il Gra, per le fermate di Torre Spaccata e Torre Maura. Aiuole, panchine e tanto spazio a disposizione per i residenti. E il timore che da 'fiore all’occhiello' questi spazi diventino l’ennesimo 'monumento al degrado'. 

SCARICABARILE? - Le premesse, d’altra parte, non fanno ben sperare. Sono infatti ben quattro gli enti ai quali spetterà la manutenzione delle fermate: il Dipartimento Periferie si occuperà delle zone di grande viabilità, Atac avrà in carico le aree interne e una parte dei parcheggi, al Servizio Giardini saranno affidate le aree verdi mentre al Municipio VI andranno le aree esterne non di competenza del dipartimento. Insomma la divisione degli oneri sembra piuttosto nebulosa e lo scaricabarile è lì dietro l’angolo.

POLEMICHE - Tanto più che le risorse per garantire la manutenzione non sono state ancora allocate e c’è già qualche accenno di polemica tra amministrazioni locali e Comune con il Municipio VI che minaccia di non prendere in carico le zone di propria competenza.  "Lo facciamo nell’interesse dei cittadini perché vogliamo tutelarli e perché meritano di avere una metropolitana sempre ad un livello di eccellenza. - afferma Mariano Angelucci, presidente della commissione mobilità - Il nostro discorso è chiaro: finché il Comune non ci dà le risorse necessarie non ci facciamo carico di nulla. Su questo sia l’Assessore Alveti che il presidente Scipioni saranno irremovibili". 

NONCURANZA NEI LAVORI - Timori confermati anche dall’Assessore alla Mobilità Vittorio Alveti che insieme all’Assessore Valter Mastrangeli ha preparato un lunga lista di criticità da inviare al Comune. Esempio: nella fermata di Torre Spaccata i sanpietrini non sono stati fissati a dovere, la pavimentazione è sconnessa e mancano i pali dell’illuminazione. "Di questi esempi ce ne sono molti - afferma l’Assessore. - Il problema è che all’interno delle stazioni è tutto perfetto, ma si ha l’impressione che per gli spazi esterni ci sia stata un po’ di noncuranza forse determinata dalla fretta di aprire entro l’11 ottobre". Problema che comunque non si pone più. Con l’inaugurazione rimandata sine die se non altro si farà in tempo a correggere il tiro e rassettare le imperfezioni. Sempre che ci sia la volontà di farlo. 

ATTESE E DUBBI - Con un bacino di 50 mila utenti potenziali le fermate di Torre Spaccata e Torre Maura sono le prime stazioni sotterranee della metro C, che da Giardinetti a Pantano corre invece in superficie. La stazione di Torre Maura è servita dagli autobus 105 e 556 e raccoglierà anche parte dei viaggiatori che arrivano da Tor Tre Teste. E poi c’è il solito trenino che ferma proprio davanti alle nuove stazioni.  

Per ora la metropolitana non sarà la rivoluzione tanto attesa ma l’entusiamo per il taglio del nastro non manca. I benefici per gli abitanti di questo quadrante arriverranno però solo in futuro. "Anche Piazza Lodi per noi sarebbe un bel passo avanti", assicura una donna che lavora sulla Prenestina e attenda con ansia la metro per non salire più sul treno Laziali. "La chiamiamo la carretta della Casilina. Ci sono voluti vent’anni per costruire questa metropolitana, speriamo che sia la volta buona per mandarlo in pensione".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Coronavirus, a Roma città 108 nuovi casi da Covid19. Focolaio in una RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento